Durante la campagna presidenziale alla fine dell’anno scorso, notevoli quantità di informazioni fuorvianti sotto forma di falsa notizia diffusa su Presidente Donald Trump e candidato presidenziale Hillary Clinton su Facebook e Google. Google ha risposto vietando finte agenzie di stampa dalla rete annuncio display AdSense e modificando l’algoritmo di Google News per filtrare le notizie false. E Facebook ha appena lanciato uno strumento che le bandiere fakes novità nel News Feed, secondo un tweet pubblicato da Gizmodo giornalista investigativo Anna Merlan.

 

Nello screenshot qui sopra, si noterà un titolo che dice “non garantiti Fonte dispositivo Android di Trump delle recenti perdite della Casa Bianca.” Questo articolo notizia falsa è stata diffusa da un sito web chiamato TheSeattleTribune.com. Anche se questo dominio potrebbe sembrare legittimo e la home page non mostra alcun segno di sito di essere una fonte di notizie false, ha una dichiarazione di non responsabilità inapparente che dice “Il Seattle Tribune è una notizia e intrattenimento satira web pubblicazione. Il Seattle Tribune può o non può utilizzare i nomi reali, spesso in modo semi-reali o per lo più fittizie. Tutti gli articoli di notizie contenuti nel Seattle Tribune sono notizie di fantasia e presumibilmente satirical – con l’eccezione dei nostri articoli lista stile ‘che comprendono fonti pertinenti “Tuttavia, l’articolo in merito a Presidente Trump” dispositivo Android non garantiti “è stato visto quasi 200.000 volte e TheSeattleTimes. .com finanziariamente beneficiato dal traffico.

Fortunatamente, nuovo strumento di Facebook sembra mostrare che l’articolo è stato “contestato da Snopes.com e PolitiFact” in modo che gli utenti non dovrebbero essere ingannati a pensare che è vero per il futuro. Snopes è un sito che schiarisce disinformazione che si diffonde su Internet e Politifact fatto controlli rivendicazioni politiche da parte di funzionari. Tutti i non-partigiani fatto-pedine che Facebook nominato per aiutare con la prevenzione di disinformazione sono tenuti a firmare un “Codice di principi” da parte della scuola non-profit Poynter per il giornalismo.

Già nel dicembre 2016, Facebook ha detto che avrebbe seppellire falsi articoli di notizie e li etichetta come bufale nel News Feed. Facebook ha anche reso più facile per segnalare una bufala se vedete uno su Facebook cliccando nell’angolo in alto a destra di un post e toccando “E ‘una notizia falsa”. Dopo una storia è contrassegnata come contestato, si sarà rivisto dalle terze parti Fact-checkers. E se ha dimostrato di essere una notizia falsa, quindi la carica non può essere trasformato in un annuncio o promosso. Ecco un video che Facebook ha registrato nel mese di dicembre sul nuovo strumento di reporting:

Facebook sta anche compilando un elenco di domini di siti web che sono stati noti per la pubblicazione di notizie false in modo che viene valutato automaticamente.

Come le parole “notizie false” è diventato più mainstream nel corso degli ultimi mesi, il presidente Donald Trump ha iniziato il loro utilizzo su base regolare per descrivere alcune delle agenzie di stampa più grandi, come la CNN e il New York Times.

 

 

Donald Trump via Twitter

Screenshot account Twitter del presidente Donald Trump

L’ex presidente Barack Obama ha anche riconosciuto che la diffusione di notizie false su Facebook è diventato un grosso problema durante la campagna elettorale di Hillary Clinton. “Le campagne modo in cui hanno spiegato, dobbiamo solo iniziare ad accettare cose folli come normale. E la gente, se solo si ripetono gli attacchi abbastanza e addirittura si trova più e più volte, fino a quando è su Facebook e la gente può vedere, a patto che sia sui social media, la gente inizia a crederci. E crea questa nuvola di polvere di sciocchezze “, ha detto Obama nel corso di una Hillary per l’America raduno a Ann Arbor scorso anno.

Uno dei più grandi vittime di false notizie era una pizzeria a Washington chiamato Comet Ping Pong. Un articolo di notizie false affermando Hillary Clinton ei suoi collaboratori sono stati coinvolti in traffico di esseri umani in corrispondenza della posizione Comet Ping Pong a Washington si diffuse rapidamente sui social media. Quindi un 28-year-old da North Carolina licenziato il suo fucile all’interno della pizzeria e ha tentato per la ricerca di bambini schiavi. Più tardi si arrese alla polizia dopo aver scoperto che non c’erano bambini schiavi lì. Questo incidente è stato etichettato come “PizzaGate.”

Inizialmente, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg era scettico che la diffusione di notizie false su Facebook potrebbe aver influenzato le elezioni. Durante un’intervista alla conferenza Techonomy nel mese di novembre 2016, Zuckerberg ha detto che si trattava di un ‘ “idea piuttosto folle” che notizie false su Facebook influenzato l’elezione in alcun modo. Ma circa un mese dopo, ha pubblicato uno status di Facebook che ha dichiarato: “Anche se non scrivere le storie di notizie che leggere e condividere, riconosciamo anche noi siamo più di un semplice distributore di notizie. Siamo un nuovo tipo di piattaforma per il discorso pubblico – e questo significa che abbiamo un nuovo tipo di responsabilità per consentire alle persone di avere le conversazioni più significative, e per costruire uno spazio dove le persone possono essere informati “.

di Facebook Falso Problema Pubblicità

È interessante notare che, Forbes scrittore staff Matt Drange recentemente sottolineato che Facebook è anche vulnerabile alla pubblicità falsi. annunci di Facebook sono stati creati che sembrano essere indirizzare gli utenti verso un sito web affidabile, ma li reindirizza da qualche altra parte quando l’annuncio viene cliccato su utilizzando un approccio esca-e-switch noto anche come “spoofing di dominio” e “clickjacking”. Questo può essere fatto nella piattaforma di annunci di Facebook dove gli utenti sono in grado di immettere manualmente l’URL visualizzato in ogni annuncio. Google affronta un problema simile con la sua piattaforma AdWords e il gigante di Internet ha finito per dover rimuovere 1,7 miliardi di annunci solo nel 2016 – che è più del doppio rispetto all’anno precedente.

portavoce di Facebook Tom Channick detto Drange che la possibilità di modificare l’URL “non è sempre fuorvianti o dannosi.” Come esempio della funzione di modifica dell’URL essere vantaggioso, Channick ha detto un no-profit che esegue una campagna di donazione tramite un sito di terze parti sarebbe probabilmente si desidera visualizzare l’URL del sito web dell’organizzazione nella pubblicità, invece.