Introduzione, che cosa è un dissipatore al liquido AIO?

Prima di iniziare nella vera e propria recensione, dobbiamo fare il punto su che cosa è un dissipatore al liquido AIO, molti di voi che leggeranno questa recensione molto probabilmente già lo sapranno, per loro consiglio di saltare questa parte.

Un dissipatore al liquido, non è altro che  un sistema di raffreddamento che sfrutta il principio fisico della convezione. Il principiò di funzionamento è facile da capire, si ha il trasferimento del calore dall’elemento da raffreddare, che nel caso nostro sarà la CPU,  al fluido di refrigerante. Il sistema è generalmente formato da:

  • Fluido Refrigerante: un fluido che scorre all’interno dell’impianto, che ha il compito di trasportare il calore dal waterblock alle altre zone del sistema di raffreddamento, è spesso usata dell’acqua distillata, alla quale vengono talvolta aggiunte varie sostanze chimiche atte alla prevenzione della proliferazione di batteri e alghe.
  • La Pompa: Un dispositivo meccanico usato per spostare il fluido refrigerante all’interno del sistema.
  • Un Radiatore: Scambiatore di calore, usato per trasferire l’energia termica dal fluido refrigerante all’aria dell’ambiente in cui è posto il radiatore; generalmente vengono poste 1 o più ventole per aumentare il flusso d’aria che attraversa il radiatore (in media la differenza fra temperatura di ingresso ed uscita di un radiatore è minima, si parla solo di qualche °C).
  • Il Waterblock: Un dispositivo posto sopra il componente da refrigerare (in modo simile ad un dissipatore classico), che ha il compito di trasportare il calore dal componente al fluido refrigerante. Molti componenti del PC posso essere raffreddati con un sistema a liquido, ma quelli che ne beneficiano di più sono sicuramente la CPU e la GPU.
  • I Tubi: Vengono utilizzati dei normali tubi in PVC morbido o in policarbonato (rigidi) , che hanno il compito di dirigere il flusso refrigerante al interno del sistema.

Un dissipatore al liquido AIO (All-In-One), praticamente è un kit già pronto per l’installazione che comprende tutti i componenti sopra citati.

Il Corsair Hydro H115i

Il mercato dei dissipatori AIO è ormai diviso in 3 categorie di prezzo: da 40 a 60 euro per un sistema entry level, da 60 a 90 euro per un sistema che ha delle buone prestazioni e in fine la fascia di 90-120 euro per un sistema top di gamma. Su queste due ultime fette di mercato uno dei produttori che ha investito parecchi dei suoi sforzi è sicuramente Corsair, celebre produttore IT che si è da subito inserito nel ramo dei sistemi “AIO” e che con il passare degli anni ha sempre cercato di offrire quel qualcosa in più rispetto alla concorrenza.  Il Corsair Hydro H115i è un dissipatore al liquido AIO con un radiatore da 280mm, doppia ventola, e un sistema di controllo davvero sorprendente.

Specifiche Tecniche

Corsair H115i
Socket compatibiliIntel® LGA 1150/1151/1155/1156/1366/2011/2011-3
AMD® AM2/AM2+/AM3/AM3+/FM1/FM2/FM2+
MaterialiBase di contatto in rame, radiatore in alluminio
Pompa
Cuscinetto pompacuscinetto ceramico
Tensione nominale12 V
Garanzia5 anni
Radiatore
Dimensioni140mm x 312mm x 26mm
Ventole
Dimensioni140mm x 140 x 25mm
Velocità (PWM)2000 +/- 10% RPM
Tensione operativa12 V DC
Corrente assorbita0.7 A
Portata104.5 CFM
Pressione statica3.99 mm-H2O
Emissioni acustiche40 dBA
Connettore4 pin PWM
Garanzia5 anni

Confezione e Dotazione

Il Corsari H115i si presenta sugli scaffali all’interno di una confezione di cartone rettangolare dal colore prevalentemente grigio alternato a bande orizzontali di colore giallo, che pongono in forte contrasto le informazioni principali, come nome del prodotto e specifiche.

Sul fronte della confezione compare l’immagine del AIO e il nome del prodotto, alla quale si accostano il logo dell’azienda, le principali features mediante elenco puntato e tre loghi nella porzione di destra che indicano la presenza di due ventole da 140mm, la compatibilità con il software Corsair LINK e la garanzia estesa di cinque anni.

Invece sulla parte opposta della scatola trovano collocazione una serie di informazioni di carattere tecnico, tra le stesse ritroviamo un disegno stilizzato con quote millimetrate degli ingombri di radiatore e ventole, le specifiche tecniche riportate in apertura di articolo e un breve spiegazione di quelli che sono i punti di forza che caratterizzano queste nuove soluzioni di casa Corsair. 
Per quanto riguardano i restanti lati, si limitano a riproporre alcuni slogan della serie e riportano le certificazioni e test che ha superato quali CE, FCC e RoHs. [URIS id=3627]

Aperte le confezioni e rimossi gli elementi protettivi dell’H115i avremo una dotazione formata da:

  • un libretto di istruzioni in bianco e nero
  • una guida all’uso della garanzia
  • una informativa sulla garanzia dai difetti di conformità
  • otto viti M3 pretagliate per la ritenzione delle due ventole da 140mm
  • un cavo di connessione micro USB–>USB 2.0 interna
  • dodici distanziali per i vari socket Intel ed AMD
  • quattro dadi ciechi zigrinati per applicare il carico sul monoblocco centrale
  • una staffa di ritenzione a sezione circolare per socket AMD in acciaio
  • una staffa di ritenzione a sezione circolare per socket Intel in acciaio (premontata di serie)
  • otto viti M3 per ancorare il radiatore al telaio dello chassis
  • otto rondelle nere per guarnizionare le viti di cui sopra
  • un backplate in plastica con slitte mobili per la selezione rapida dei socket Intel

Sulla dotazione non si può riscontrare deficit, tutti i componenti sono di alta qualità. In verità ci possiamo lamentare solo per il fatto che il backplate è fatto si una comune plastica, da un prodotto di questa fascia forse ci si poteva aspettare un backplate interamente in acciaio o metallo, ma questo non è poi un grosso problema, per questo posso essere soddisfatto delle scelte prese da Corsair.

Le ventole

Per quanto ne concerne il parco ventilante che viene fornito a corredo dell’H115i risulta essere formato da due ventole da 140mm di diametro, si tratta nello specifico di due proposte proprietarie risalenti alla serie SP140L PWM caratterizzate da un telaio a semi-frame di colorazione nera con cornice portante in ABS e che prevede una struttura da 25 millimetri di spessore, al cui interno si sviluppa una superficie ventilante formata da nove pale di colorazione grigia che circondano il coperchio motore sormontato dal bellissimo adesivo di Corsair. Queste ventole sono molo buone sotto il punto di vista prestazionale, ma risultano assenti le appendici aerodinamiche per il controllo dei flussi, l’unica lavorazione effettuata sui profili palari risulta la rimozione dello spigolo esterno per il contenimento dei fruschii e fischi in elevata frequenza agli alti giri motore. Per quanto riguarda le connessioni, trattandosi di una ventola con controllo PWM la stessa vanta una connessione su molex a quattro pin che si interfaccia con l’elettronica a bordo mediante l’adozione di una piattina a quattro poli rimanendo del tutto in linea con quella che sarà poi la connessione lato monoblocco centrale.

Il software Corsair Link

Il Corsair Hydro H115i è totalmente compatibile con il software Corsair Link scaricabile al seguente indirizzo web. Si tratta sostanzialmente di un programma che permette di tenere sotto controllo e personalizzare alcuni parametri critici del proprio sistema e del relativo impianto che lo sta raffreddando. Una volta installato e collegato il relativo cavo ad una porta USB 2.0 sulla propria scheda madre sarà infatti possibile utilizzare il programma. Al interno del software troviamo nella home page iniziale un riepilogo dei dati principali quali il processore attualmente in uso e tutti i componenti hardware installati nel vostro pc, la temperatura del coldplate dell’AIO, i giri motore di ventole e pompa nonchè una casella riportante un disegno stilizzato di un led con in background il colore attualmente creato dallo stesso mediante tricromia.  Cliccando sopra le icone delle ventole o della pompa del sistema AIO è possibile personalizzare il comportamento agendo su un grafico temperatura – % di utilizzo, come si può vedere dalle foto sottostanti. Cliccando invece sopra il riquadro denominato “LED” del sistema AIO, è possibile effettuare un setting del tipo di colore desiderato, infatti sopra la pompa dell’acqua è presente una scritta Corsair che si illumina in modalità RGB. Molto interessante risulta anche un’altra funzione del Corsair LINK, offre infatti la possibilità di inserire un range o un singolo punto di allarme passato il quale  è possibile:

  • variare la colorazione del led posto sul waterblock – 16,8 milioni di colori giusto per far mente locale
  • arrestare il pc dopo X secondi
  • eseguire un file
  • impostare tutte le ventole controllate dal “LINK” al 100% ove per -tutte le ventole” si intendono anche quelle integrate nello chassis sia esso corsair o di terzi.

Oltre a ciò il software offre anche una piacevole interfaccia per visualizzare tutte le temperature, le velocità delle ventole e della pompa, come si può vedere nella foto sottostante.

Installazione

Dal punto di vista del installazione il Corsair Hydro H115i è estremamente semplice da montare, l’unica difficoltà che ho riscontrato è dovuta al ingombro del radiatore, che essendo abbastanza grande rende difficile le manovre di inserimento al interno del case, per questo consiglio vivamente di installarlo insieme ad un altra persona così da facilitarne il tutto. La guida in dotazione è chiara e semplice da usare.

Metodologia di test

I test sono stati condotti in un PC che ha le seguenti caratteristiche:

Processore
    CPU   Intel(R) Core(TM) i7-4770K
    Numero di processori logici   8
    Produttore   GenuineIntel
    Massima velocità Clock   4.5 Ghz
    Voltaggio   1,270V
    clock esterno (bus)   100 Mhz
    Moltiplicatore   x8 – x45
    CPU ID   Intel64 Family 6 Model 60 Stepping 3
    Socket Designation   SOCKET 1150
    CPU Internal L1   256 KB
    CPU Internal L2   1024 KB
    CPU Internal L3   8192 KB
Scheda madre
    Modello   Z87-DELUXE
    Produttore   ASUSTeK COMPUTER INC.
    Venditore BIOS   American Megatrends Inc.
    SMBIOS Versione   2103
    Data BIOS   15/08/2014
Ram
    Produttore   Corsair
    Modello   CMZ8GX3M1A1600C10B
    Memoria singolo banco   8GB
    Numero di banchi installati   2
    Memoria totale   15,9 GB
    Velocità   1800 Mhz
    Latenza CAS (CL)   10
    RAS to CAS (tRCD)   10
    RAS precharge (tRP)   10
    Cycle Time (tRAS)   27
    tRFC   235
    Command Rate (CR)   2T
Scheda video
    Nome   ASUS ROG STRIX  GeForce GTX 1060
    Processore Video   GeForce GTX 1060 6GB
    Produttore   NVIDIA
    Architettura Video   VGA
    Tipo DAC   Integrated RAMDAC
    Grandezza memoria   6 GB
    Tipo memoria   GDDR5
Disco rigido
    Nome   Samsung SSD 840 PRO Series
    Capacità   256 GB
    Tipo   SSD
    Nome   Samsung SSD 840 EVO Series
    Capacità   500 GB
    Tipo   SSD
    Nome   WDC Caviar Blue 1TB
    Capacità   1000 GB
    Tipo   HDD
    Nome   Seagate Barracuda ST3500418AS
    Capacità   500 GB
    Tipo   HDD

I test che sono stati eseguiti sono :

  1. Test del sistema in condizioni normali (idle)
  2. Test del sistema in sovraccarico

Il software usato per l’acquisizione dei dati è Core Temp e il software per il sovraccarico che ho usato è Intel Extreme Tuning Utility. I test sono stati effettuati per 10 minuti l’uno e per 4 volte l’uno, questo per rendere i risultati più veritieri possibile.

I risultati dei test

I test sono stati effettuati in una stanza con un Δt pari a 25°C, la pasta termica che è stata applicata è la Thermal Grizzly Kryonaut Wärmeleitpaste. I risultati dei test vengono comparati con un AIO sempre di Corsair, nello specifico il Corsair Hydro H90, per agevolare il lettore.

Conclusioni

Il Corsair Hydro H115i che abbiamo potuto analizzare nel corso di questa recensione ha messo in chiaro fin da subito la fetta di utenza a cui si rivolge strizzando in continuazione l’occhiolino agli utenti enthusiast che ricercano il massimo dalla propria componentistica hardware, sistema di raffreddamento incluso.

Assolutamente di prim’ordine sono risultate infatti le varie lavorazioni di radiatore e gruppo pompa centrale che vantano verniciature integrali, buona robustezza a ciò si affianca la cura estetica per i particolari come il rivestimento in calza multi-filamento dei tubi, le viti differenziate nella colorazione tra gruppo centrale/radiatore e il logo retroilluminato mediante led RGB interamente personalizzabile cosi come personalizzabili risultano tutti i parametri di funzionamento in base alle temperature registrate.

Quindi posso dirvi con certezza che questo è un prodotto ottimo sotto tutti i punti di vista, l’unica pecca che possiamo “notare” è il prezzo a qui viene venduto, per portare a casa questo dissipatore infatti dovrete sborsare circa 120 euro.