Alla maniera di uno strumento di sicurezza dedicato, il browser Google Chrome è in grado di operare a richiesta da un’analisi del computer per andare in cerca di malware, ma anche altro software indesiderato secondo la definizione utilizzata da Google.

Questi software indesiderati posso essere installati in modo insidioso, applicazioni che trasmettono informazioni private a insaputa dell’utente o, più in generale, software con comportamenti ingannevoli.

Bleeping Computer spiega che per procedere, apri il browser Chrome e inserisci “chrome://settings/cleanup” nella barra degli indirizzi. L’utente ha quindi accesso ai parametri seguenti. Rimane solo per lui iniziare la ricerca.

Si chiarisce che questo non è un semplice rilevamento. Anche la cancellazione ne fa parte. Se necessario, le informazioni possono essere inviate a Google se lo si desidera. Ciò migliorerà le definizioni utilizzate dallo strumento Chrome Cleanup.

Tutto questo è infatti legato alla comunicazione di fine 2017 riguardante l’integrazione e l’implementazione di Chrome Cleanup in Chrome su Windows e l’utilizzo del motore di rilevamento di ESET . Tuttavia, Google sottolinea che non è un sostituto per un antivirus e una protezione generali in tempo reale.