Secondo l’agenzia Bloomberg , Aptoide presenta una denuncia contro Google per concorrenza sleale. Infatti, Paulo Trezentos, CEO di Aptoide, critica il gigante della ricerca sul fatto che il suo Google Play Protect abbia avuto una mano pesante in alcuni utenti ”  il comportamento è davvero aggressivo” . Infatti, il dispositivo anti-malware del gigante chiede semplicemente di rimuovere Aptoide, costringendo gli utenti di smartphone Android a ripiegare sulla propria soluzione domestica, il Google Play Store.

Con questa manovra, Google suggerisce che il negozio concorrente è un nido di malware che mette in pericolo gli smartphone degli utenti. Aptoide si lamenta con la Commissione europea e spera di far valere i propri diritti. L’editore ritiene che la Commissione riconoscerà l’abuso di posizione dominante di Google in questo caso.

Per il momento, la società di Mountain View non ha commentato questo. In passato, Google ha già ricevuto una multa record di 2,42 miliardi di europer promuovere il servizio domestico “Shopping”. È possibile che questa nuova attività possa stabilirsi amichevolmente.