Seguendo i file delle cause legali contro i siti ROM della console LoveROMS.com e LoveRETRO.co, Nintendo è riuscita a rimuovere un emulatore di Game Boy Advance da GitHub.

La società ha presentato una richiesta DMCA chiedendo che un emulatore basato su JavaScript che consentisse ai giocatori retrò di godere di Mario nel proprio browser Web venga rimosso, GitHub ha rispettato la richiesta, il che significa che l’emulatore è ora più disponibile attraverso il sito.

In una richiesta del Digital Millennium Copyright Act, Nintendo chiede: “Disabilitare l’accesso pubblico al repository su https://jsemu3.github.io/gba/. Il repository fornisce l’accesso a copie non autorizzate dei videogiochi protetti da copyright di Nintendo in violazione di Diritti esclusivi di Nintendo “.

È interessante che Nintendo abbia optato per un emulatore per un vecchio sistema di gioco. L’hardware e il software non sono più in vendita e l’azienda non ne ricava più profitto. L’unico modo per acquistare i giochi Game Boy Advance è tramite la Virtual Console sull’impopolare Wii U. L’emulatore e le ROM sono state rese disponibili gratuitamente, quindi nessun altro ha tratto profitto dal successo di Nintendo. Tuttavia, a settembre i possessori di Switch hanno accesso ai giochi classici, ed è possibile che questa sia la motivazione di Nintendo.

In risposta alla causa intentata contro di esso, LoveROMs ha chiuso completamente, con un messaggio sul sito che informa i visitatori che “LoveROMs è stato chiuso”. Inizialmente Loveretro ha risposto semplicemente rimuovendo i torrent relativi a Nintendo, ma anch’esso ha chiuso. Un messaggio sul sito riporta: “Loveretro è stato chiuso fino a nuovo avviso”. Di fronte a chiamate fino a $ 150.000 per gioco Nintendo in violazione e fino a $ 2.000.000 per violazione di marchio, forse non c’è da meravigliarsi che i siti abbiano ceduto.