Il produttore giapponese ha regnato il terrore sui videogiocatori che volevano mettere i contenuti online relativi a Nintendo per quasi tre anni. 
Ovviamente, il marchio giapponese ha deciso di mettere un po ‘d’acqua nel suo vino decidendo di abbandonare il suo famoso “Nintendo Creators Program”. Tuttavia, ci saranno sempre delle condizioni da rispettare.

Condividi essendo creativo

Come promemoria, questo programma ha costretto l’utente a restituire il 30% delle entrate pubblicitarie sui propri video con contenuti relativi ai giochi Nintendo direttamente al produttore. Inoltre, esisteva un lungo elenco di requisiti per impedire la semplice rimozione della produzione da YouTube o dai social network. Tutto questo scomparirà entro la fine di dicembre. 

Il marchio associato a Mario sarà quindi più indulgente come evidenziato da questa affermazione dell’azienda: ”  Non ci opporremo più all’uso del gameplay e / o delle schermate da giochi di cui i diritti appartengono a Nintendo  “. La società incoraggia inoltre i videografi a realizzare video con ” una vera visione e commento creativo  .

La ditta giapponese sarà ancora molto attenta

Tuttavia, Nintendo sarà intrattabile se qualcuno decide di pubblicare un video senza alcuna forma di modifica . Questo ovviamente non si applica alla condivisione tramite il pulsante di acquisizione dello Switch. Quindi, il lungo “Let’s Play” senza commenti sarà bannato. Inoltre, non sarà tollerato nemmeno l’inserimento on line di contenuti da un titolo non ancora disponibile commercialmente. Sarà lo stesso per tutto ciò che è attraente per la pirateria delle console Nintendo . 

Infine, pubblicherà imperativamente foto e video su siti partner come YouTube, Twitch, Facebook e Twitter. Nintendo ha tuttavia deciso di concludere positivamente affermando che: Apprezziamo e incoraggiamo il sostegno permanente dei creatori di contenuti, e li ringraziamo per la loro dedizione al fine di ci aiuteranno gli spettatori . ”