Valve vuole rendere Steam più allettante per i grandi sviluppatori ed è disposto a rinunciare a una fetta della torta per farlo accadere. La società ha rivisto l’Accordo di distribuzione di Steam per dare ai suoi editori di maggior successo un maggiore taglio delle entrate derivanti da giochi, componenti aggiuntivi e acquisti in-app. Qualsiasi gioco che abbia guadagnato oltre 10 milioni di dollari su Steam dal 1 ° ottobre 2018 fornirà agli sviluppatori un taglio del 75% delle entrate future piuttosto che il solito 70%. Se guadagnano almeno $ 50 milioni, porteranno a casa l’80% dei guadagni successivi. Un successo di grande successo potrebbe facilmente generare molto più denaro.

Valve ha anche allentato il controllo sui dati di vendita. I creativi ora hanno il permesso esplicito di condividere le informazioni di vendita con gli altri “come meglio credono”, sia che si tratti di altre aziende o del pubblico. Mentre ci sono certamente stati altri modi per scoprire se un gioco è o meno un successo, questo potrebbe eliminare alcune delle congetture.

Il nuovo accordo include anche alcune informazioni di conformità GDPR di base e ha richiesto alcune garanzie di sicurezza di base per i giochi di realtà virtuale. Gli studi devono garantire che un titolo VR non causi danni fisici e che non sostituiscano le funzionalità di sicurezza di SteamVR come Chaperone (che ti tiene a conoscenza dei confini dello spazio di gioco reali).

Le modifiche alle entrate non faranno piacere ai produttori di giochi per i quali le solite entrate del 70 percento non sono sempre sufficienti. Tuttavia, potrebbe aumentare le possibilità che editori e sviluppatori si attaccino a Steam invece di lanciare i propri servizi e tagliare Valve fuori dal giro.